Grasso Addominale

Scritto da Dott.ssa Marianna Tornese Postato su Marianna Tornese

La Rimozione del Grasso Addominale Riduce il rischio di cancro della cute nel topo

addome Alcuni ricercatori hanno trovato che attraverso la rimozione chirurgica del grasso addominale da topi, alimentati con una dieta ricca di grassi, si riduce il rischio di cancro della  pelle.

Il tipo di tumore è il più diffuso negli Stati Uniti, con più di 2 milioni di nuovi casi ogni anno. Inoltre, è stato anche rivelato che non si sa se lo stesso principio può essere applicato agli umani.

 "Noi non sappiamo che effetto avrebbe negli esseri umani", ha dichiarato Allan Conney, professore di Farmacologia e direttore del Susan Lehman Cullman Laboratory for Cancer Research presso la Ernest Mario School of Pharmacy.

Vorremmo incoraggiare epidemiologi a studiare se vi è una minore incidenza di cancro della pelle fotoindotto nelle persone che hanno subito un intervento chirurgico di liposuzione per rimuovere il tessuto grasso," ha detto.

Per più di un decennio, Conney e il suo collega Ping Yao Lu hanno studiato come la caffeina e l'esercizio fisico possano ridurre il tessuto adiposo e possano ridurre il rischio di tumore della pelle.

Nonostante i numerosi studi epidemiologici sugli umani non si è ancora evidenziato come e perché il caffè protegga dal rischio di tumore della pelle UV-indotto; è ancora un mistero.

In questo nuovo studio sul cancro della pelle, i ricercatori Rutgers, hanno scoperto che la rimozione chirurgica del grasso addominale da topi obesi, alimentati con una dieta ricca di grassi ha avuto tra il 75-80 % in meno di sviluppo di tumori della pelle UV-indotti rispetto ai topi che non sono stati sottoposti a intervento chirurgico di rimozione di grasso.

Sebbene gli scienziati sanno che il tessuto grasso può giocare un ruolo nella formazione di tumori, c'è stata poca ricerca sui meccanismi molecolari di come una dieta ricca di grassi aumenta la formazione del cancro della pelle. Questo nuovo studio, suggerisce che:

il grasso addominale nei topi, secerne proteine che aumentano il rischio di cancro

Una volta che il tessuto grasso viene rimosso, le proprietà biochimiche del nuovo tessuto adiposo che compaiono dopo l'intervento chirurgico sono meno dannosi.

Mentre è ben noto che un diminuito apporto di calorie, basso contenuto di grassi dieta e esercizio fisico è consigliato per il trattamento dell'obesità, mentre, prevenire il cancro attraverso la eliminazione chirurgica del tessuto adiposo deve ancora essere esplorata.

"Sarebbe interessante vedere se la rimozione chirurgica del tessuto adiposo degli animali potrebbe prevenire i tumori letali associate all'obesità, come quelle del pancreas, del colon e della prostata", ha detto Conney.

Questo studio era stato pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences.

dott.ssa Marianna Tornese

Source-ANI

Il non Frutto Antiossidante

Scritto da Dott.ssa Marianna Tornese Postato su Marianna Tornese

La fragola è il "non frutto" ANTIOSSIDANTE

La fragola è il

Colore rosso, profumo delicato, aspetto invitante e gusto esaltante... Cosa pretender di più da un piccolo concentrato di bontà e benessere ?!

Siamo nella piena stagione dove le bancarelle degli ortofrutticoli si dipingono di svariati colori, ma senza ombra di dubbio l’attenzione ricadrà sulla gustosa fragola, che meraviglie delle meraviglie, non è un vero frutto.

Da alcune ricerche nate dalla passione per questo ”frutto” si è evidenziato che dal punto di vista botanico non rientra nella specie frutto, ma risulta il ricettacolo ingrossato di un infiorescenza e che i veri frutti siano solo gli ACHENI, ossia i piccoli semini che ne decorano la superficie esterna.

Il progenitore della fragola è la fragolina di bosco, Fragaria Vesca.

L’aspetto più interessante, per noi, descritte poche curiosità, è legato al contenuto di sostanze antiossidanti, come olii essenziali, tannini e flavoni, che oltre a donarle colore e profumo inconfondibile, sono in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi, molecole responsabili della degradazione e invecchiamento dell’organismo. Non a caso, secondo la scala ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity)(*), le fragole sono collocate nel gruppo di alimenti che possiedono la maggiore capacità di mantenerci giovani.

Contengono, inoltre, vitamina C ::: ottimo stimolante delle difese naturali, composti polifenolici come antocianine, catechine e quercitina, che proteggono vasi e cuore.

E, sulla nota romantica del nostro cuore che palpita alla vista di un buon frutto, non posso che consigliarvi di aggiungere una buona dose di  colore sulla vostra tavola!

dott.ssa Marianna Tornese

La Bellezza: antidoto del TEMPO

Scritto da Dott.ssa Marianna Tornese Postato su Marianna Tornese

Sopravvive la Specie più Predisposta al Cambiamento ...

Bellezza“La Bellezza è l'unica cosa contro cui la forza del tempo sia vana. Le filosofie si disgregano come la sabbia, le credenze si succedono l'una sull'altra, ma ciò che è bello è una gioia per tutte le stagioni, ed un possesso per tutta l'eternità.”   .... O.Wilde

Chiunque di noi leggendo quest’aforisma avrà mosso una spalla o storto il naso, poiché, facendo rimbalzare alla mente la propria immagine di anni fa, non avrà trovato un riscontro positivo con quella attuale. Rammaricati pensiamo che ciò è solo una frase, un pensiero e, come dei vecchi saggi, ci convinciamo che il tempo stia passando e che non si è più, putroppo, come eravamo una volta….. Fisiologicamente è vero, il nostro corpo, il nostro aspetto muta e con esso muta anche la nostra voglia di rimanere giovani. Ci si abbandona al cambiamento passivamente, non prendendosi più cura di se stessi, ci si lascia ingoiare dalla quotidianità celandosi dietro scuse fugaci.

La prima cosa che si dice è: "ehh…ormai!!!" oppure altra esclamazione attuale ::: "…non ho tempo!!!!" Troviamolo, cerchiamolo, inventiamolo... fate ogni cosa pur di ritagliarvi pochi giorni della settimana o del mese per dedicare del tempo a voi stessi, per riscoprire  il beneficio del perfetto binomio RELAX e BENESSERE.

Prendersi cura di se stessi è il modo migliore per scoprire quanto sia più facile invecchiare e soprattutto invecchiare bene, diventa naturale adattarsi al cambiamento con un sorriso… Sono certa che anche Darwin lo avrà detto sorridendo:

“Non è la specie più forte a sopravvivere, e nemmeno la più intelligente. Sopravvive la specie più predisposta al cambiamento…”


Dott.ssa Marianna Tornese

Luce Pulsata o Ceretta

Postato su Marianna Tornese

Peli... peli .... basta peli

PeliSpesso noi donne, e non solo, in prossimità dell’estate oltre a lasciarci prendere dalla paura della prova costume, ci lasciamo coinvolgere dalla voglia di poter ricorrere ad una soluzione definitiva sulla rimozione dei peli. Andare in vacanza per 15 gg senza doversi preoccupare di adocchiare un centro estetico all’ottavo giorno, credo sia il piacere di ognuna di noi….

Questo desiderio si può realizzare, ma, come per ogni cosa, degna della capacità di essere fatta bene, si necessita di TEMPO. Molto spesso le richieste per un inizio trattamento giungono verso Maggio, periodo in cui, risulta difficile poter accontentare le nostre pazienti sulla garanzia di un risultato immediato, pronto per l’estate…

TUTTO QUESTO PERCHE’?

Perché per la rimozione completa dei peli, si necessitano di 4-6 sedute ogni 20-25 giorni e ciò che ha maggiore importanza è la NON esposizione solare. Il funzionamento della Luce Pulsata è basato sull’emissione di un fascio di luce che ha come obiettivo (cromoforo) la melanina presente sul pelo. La cute presenta melanina che è l’elemento responsabile  del colore della nostra pelle;  aumenta con lo stimolo solare esercitato sui melanociti. Con ciò, si può comprendere bene che, su soggetti abbronzati, il nostro manipolo avrebbe difficoltà a capire come differenziare la melanina del pelo da quella della cute, ncorrendo nella possibilità di creare una ipopigmentazione della zona trattata. Pertanto sconsigliando la possibilità di iniziare un trattamento ad abbronzatura avvenuta, si  consiglia o di approfittare subito dei capricci del tempo, che sembra non voglia farci andare al mare, o trascorrere un’altra estate schiave della ceretta e programmare delle visite, in tempo, per iniziare la successiva in maniera spensierata!

  • Dott. Donato Zizi
  • Dott..ssa Marianna Tornese