DermatologiaLa cute rappresenta l’organo più esteso del corpo umano, dotato di una propria individualità sia anatomica che funzionale e in grado di svolgere molteplici funzioni, rappresentando, in particolare, una fondamentale barriera protettiva per il nostro corpo.  La  dermatologia è, al riguardo,  la branca della medicina che si occupa della pelle e dei tessuti connessi (capelli, unghie, ghiandole sudoripare, ecc.) con l’obiettivo di preservarne la salute e la bellezza, al fine ultimo di anticipare ed possibilmente impedire l’insorgenza di patologie che -  se non  letali come purtroppo può accadere – portano il più delle volte esiti estetici dai gravissimi riflessi psicologici e sociali per chi è costretto a conviverci.

Un accurato esame clinico dermatologico è quindi indispensabile prima di qualsiasi intervento o trattamento che coinvolga la cute, di natura funzionale o anche semplicemente dermoestetica (filler, botulino, mesoterapia ecc..), rappresentando la visita specialistica un imprescindibile punto di partenza. La pelle rappresenta il nostro  biglietto da visita ed è fondamentale una cura costante per tutelarne la naturale bellezza, rallentare il processo dell’invecchiamento e conservare quell’aspetto così importante nella società odierna.

Oggigiorno la dermatologia spazia dalle più svariate patologie cliniche (malattie autoimmuni, dermatologia oncologica, dermatologia pediatrica, …) alle terapie chirurgiche (asportazione nei…), fino all’utilizzo di apparecchiature  altamente  tecnologiche. Laser e macchinari ad alto tasso di sofisticazione intervengono infatti in ausilio dello specialista per il trattamento di numerose problematiche: lesioni pigmentate, lesioni vascolari (angiomi, capillari), cicatrici, acne, peli superflui e fotoringiovanimento. Ovviamente i risultati variano in relazione al singolo caso e al tipo di apparecchiature utilizzate, ed è pertanto fondamentale un’accurata visita  per effettuare una corretta diagnosi e per prescrivere una corretta terapia. Pertanto, solo affidandosi a professionisti e centri specialistici qualificati con apparecchiature e macchinari adeguati si possono ottenere determinati risultati e concrete garanzie per la tutela della salute.

NEI E TUMORI DELLA PELLE

I nevi ( o nevi) sono delle formazioni   generalmente pigmentate, piane o rilevate, presenti sulla cute in numero  e dimensioni estremamente variabile. Possono essere presenti sin dalla nascita ( nevi congeniti) o comparire nel corso della vita ( nevi acquisiti). Talora un nevo può trasformarsi in melanoma, ovvero tumore maligno cutaneo, e per tale motivo è fondamentale  LA PREVENZIONE. A tal fine, in ausilio del dermatologo e per individuare solo i pericoli reali evitando asportazioni inutili e spesso deturpanti, interviene la dermatoscopia, più comunemente nota come “mappa dei nei”, che rappresenta una fondamentale metodica diagnostica introdotta nell’oncologia dermatologica negli anni ’80 grazie allo sviluppo di apposite tecnologie in grado di consentire una (altrimenti difficilissima) diagnosi precoce del melanoma . E’ un esame indolore, non invasivo e tale da consentire – tramite l’archiviazione su supporto informatico - il controllo costante della formazione cutanea mediante il semplice confronto delle immagini.

ACNE

L’acne è una malattia della pelle caratterizzata da un processo infiammatorio del follicolo pilifero e della ghiandola sebacea. Compare più frequentemente nell’adolescenza, ma numerose sono anche le forme ad insorgenza tardiva e si localizza prevalentemente al volto e al tronco, mentre più raramente ai glutei. Essa si manifesta con diversi quadri clinici e di diversa gravità (acne comedonica, papulopustolosa, nodulocistica …) e generalmente i sintomi soggettivi sono assenti, potendosi al limite avere una dolenzia dovuta alle lesioni infiammatorie, se non talora prurito. La malattia crea spesso nei pazienti notevoli ripercussioni psicologiche per evidenti motivi estetici (presenza di cicatrici) e la terapia trova benefici, oltre che dai farmaci per via topica e sistemica, anche da trattamenti ambulatoriali cosmetologici (come i peeling, che rimuovono lo strato corneo della cute e il tappo cheratinico dei comedoni, aumentano il turnover cellulare con relativa esfoliazione e inibiscono l’attività delle ghiandole sebacee..) e dalla terapia laser. E’ possibile ottenere un effetto di potenziamento e ottimizzazione della terapia combinando tra loro vari trattamenti, cercando di soddisfare il desiderio dei pazienti ad accorciare nei limiti del possibile i tempi di guarigione.

MACCHIE DELLA PELLE 

Le discromie cutanee , più comunemente note come “macchie della pelle” sono dovute all’ accumulo anomalo del pigmento. Il trattamento si avvale oltre che di potenti farmaci  depigmentanti (capaci di bloccare o inibire  la sintesi di melanina con diversi meccanismi di azione), dell’ utilizzo di  trattamenti ambulatoriali dermocosmentologici  e di laser di media-alta potenza. Quest’ultimi, in particolare,  hanno come obiettivo di rimuovere il pigmento in eccesso lasciando inalterato quello costituzionale e le strutture circostanti, con risultati e rischi (cicatrici, ipo- o iper-cromie, etc.) inversamente proporzionali alla profondità della lesione, alla mancanza di qualità dell’apparecchiatura e alla inesperienza dell’operatore.

dott. Donato Zizi

Nuovi TRATTAMENTI

LipoFilling

BIORIGENERAZIONE

Fili di Sospensione